ELEZIONI COMUNALI PIACENZA 2012
  • » News
  • » Grido di protesta di Mirta Quagliaroli
Grido di protesta di Mirta Quagliaroli
Il Comune nega il palco per Beppe Grillo in piazza
Grido di protesta di Mirta Quagliaroli
"Oggi apprendiamo con enorme stupore che il palco previsto per il 21 aprile in Piazza Mercanti in occasione del Tour Elettorale di Beppe Grillo non sarà disponibile."
Il candidato a sindaco di Piacenza del Movimento Cinque Stelle, Mirta Quagliaroli, chiede "a chi facciamo paura?" e lancia questo j`accuse all`amministrazione comunale di Piacenza.
"Il palco, solitamente a disposizione per i comizi elettorali - prosegue la Quagliaroli - dal Comune di Piacenza gratuitamente, e regolarmente prenotato 2 settimane fa, solo oggi ci viene comunicato non essere disponibile, o meglio le risposte sono state diverse ogni volta che si è cercato di chiederne conferma.
Precisiamo che all’atto della richiesta ci è stato comunicato che il palco non solo ci sarebbe stato messo a disposizione gratuitamente ma con l’attacco luci, e noi avremmo dovuto procurarci solo l’impianto audio.
La settimana seguente siamo ripassati per chiedere conferme (tutto può succedere...) e ci è stato comunicato che per motivi economici non era possibile averlo montato , pertanto avremmo dovuto recuperarlo presso il comune e provvedere al suo assemblaggio.
Senza farci scoraggiare, ci siamo attrezzati per il montaggio del palco attraverso volontari. Oggi ci viene comunicato: prima che non è disponibile perchè impegnato, poi che è disponibile ma dobbiamo assemblarlo a nostre spese e provvedere al suo collaudo che ci costerebbe 600 euro.
A parte la poca chiarezza e la scorrettezza nei confronti di chi, come movimento politico, cerca di far sentire la propria voce, ci sembra una grave lesione del diritto alle pari opportunità e alla possibilità di poter effettuare comizi elettorali, previsti dalla normativa.
Faccio inoltre presente che in occasione delle regionali del 2010 il palco messo a disposizione per il Tour elettorale di Grillo ci era stato concesso in Piazza Mercanti gratuitamente, proprio perchè era in periodo elettorale e l’evento si configura come comizio elettorale. Allora ci chiediamo, ma le regole quando valgono?
A chi facciamo paura?
Perchè il palco ci viene negato adducendo le motivazioni più strane?
Attendiamo una risposta ufficiale dal Comune.
Mirta Quagliaroli



Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK